giovedì 11 settembre 2008

Ci risiamo, ogni anno la stessa storia

Sono un po' giù di corda. E' appena finita la festa di compleanno della suocera che ogni anno contraddistingue questo scorcio di Settembre.
Soliti parenti quasi sessantenni e oltre. Tutti rigorosamente veneti doc. Io solo dalla "bassa" come dicono loro. E'una specie di tassa che ogni anno arriva puntuale da pagare. Ne ho sentite di ogni genere anche quest'anno. Non ero in vena e forse neanche in grado di controbattere. C'ho provato all'inizio, ma è stato inutile. Certe frasi sono degli stupidi luoghi comuni, alcune invece...non lo so, non ho voglia di ragionarci e fare un discorso articolato. Eccone una carrellata in ordine sparso:
" I meridionali non hanno la nostra stessa voglia di lavorare"
" Non è giusto che noi paghiamo le tasse per loro"
" Ci sono ancora i caporali che fanno lavorare e sfruttano gli stranieri nei campi di pomodori, mentre qui vietano pure ad un amico di aiutarti nella vendemmia."
" L'avis del nord manda sangue gratis al sud dove invece dei volontari ci sono quelli che il sangue se lo fanno pagare" (se fosse così sarebbe vergognoso)
" Pur di fare soldi smaltiscono rifiuti tossici del nord inquinando le terre in cui vivono"
" Le attività economiche sono in maggioranza illegali e lo Stato non controlla"
" Non hanno il nostro stesso senso della casa, il giardino, le piante, il terreno..." (enorme cazzata lo so, ma lo pensano in tanti).
" Ci sono tante bellezze artistiche e naturali e non vengono sfruttate"
" La sanità è scandalosa, gli ospedali poco igienici e i medici bravi vengono tutti al nord"
" Certi commercianti sfruttano il turismo facendo i furbi e speculano in particolare sugli stranieri"
" Non bisogna mandare soldi al sud altrimenti il sud non si rimboccherà le maniche"
" Un sacco di gente di qui è andata al sud e pagando è riuscita a prendere diplomi e lauree"
" Molti che sono venuti a lavorare qui sono tornati giù, perchè qui si lavora troppo e i soldi non bastano, mentre in meridione si vive bene pur non lavorando, grazie all'assistenzialismo."
" A distanza di 40 anni ci sono ancora terremotati nelle baracche"
" Il sud è un paradiso e se avessimo noi le bellezze che hanno loro...
Mi fermo qui, ma ne hanno dette ancora...
Lo so, forse non sono stati cortesi a dire queste cose, a una festa di compleanno poi, ma non posso imputargli certo l'ipocrisia.
Se voi avete delle risposte fatemele sapere. Il prossimo anno sarò preparato.

43 commenti:

Andrew ha detto...

solite frasi stupide

Bruno ha detto...

Risposte non ne ho...... ho pero' una soluzione temporale... si tratta di un salto generazionale .. :-)) saro' cattivo....non lo so, io non sono della "bassa" ma ho a che fare, soprattutto al lavoro con personaggi in PENSIONE della "alta" che si spacciano per consulenti....NON capiscono un cazzo...zero assoluto..... e se dovessi fare un elenco anche io ...mi sa che scrivo un libro.... di pazienza ne ho ancora un po', pero' sta per finire....!!! dai rassegnati, ti capita una volta all'anno ... a me tocca 5 giorni su 7...ciaooooooooo

calendula / trattalia ha detto...

sono Sarda, sono molto molto orgogliosa di esserlo, siamo orgogliosi e permalosi per natura, fossi al posto tuo, farei gli auguri alla suocera darei il regalino e andrei via molto molto velocemente, ci sono tante cose belle da fare nella vita, torte buone da mangiare ne trovi in ogni pasticceria, non mi sembra giusto sprecare il tuo preziosissimo tempo con gente ignorante e stupida, non sei obbligato a stare li a sentire.
scusa se mi sono incazzata, ma queste cose mi fanno imbestialire.... i prossimo anno fai come ti ho detto.... vedrai che meraviglia...senza tutti quei bla bla bla inutili...

digito ergo sum ha detto...

ah sì? allora voglio essere "terrone". subito.

Franca ha detto...

Che vuoi rispondere?
E' su questi pregiudizi che si basa il consenso della Lega...

ventopiumoso ha detto...

ciao pelle! non avertene a male. anche io vivo in veneto da qualche anno e ne sento di tutti i colori. che devo dirti. portare pazienza. tanto ho scoperto che dati cifre esempi ragionamenti sono inutili. coraggio!

Lucia Cirillo ha detto...

Hanno ragione...e allora? venissero pure loro al Sud a fare la "pacchia" :))))...che motivo hanno di stare lì a sgobbare per noi?

Alessandro Tauro ha detto...

Un bel "Alla fine il fascismo ha prodotto anche delle cose buone" non avrebbe sfigurato lì in mezzo...
In ogni caso, sono semplici frasi generalizzanti e indiscriminate.
Per la questione cosiddetta meridionale, si farebbe meglio a distinguere innanzitutto la classe politica dalla cittadinanza.
E anche tra cittadini c'è un grosso lavoro di discriminazione da operare.

Ad esempio la mafia in Sicilia. Potreste accomunare Rita Borsellino con Totò Cuffaro?
In questi casi sarebbe meglio evitare di ragionare per frasi fatte e scendere giusto un po' di più nel profondo.
Detto questo, ho assistito a frasi peggiori! ;)

Prefe ha detto...

ciao pelle!
Io ho qualche risposta :)

" Pur di fare soldi smaltiscono rifiuti tossici del nord inquinando le terre in cui vivono" ma il nord glieli manda
" Le attività economiche sono in maggioranza illegali e lo Stato non controlla" proprio perché votate a destra
" Ci sono tante bellezze artistiche e naturali e non vengono sfruttate" Esattamente così si fa, sennò ci si ritrova con milano
" La sanità è scandalosa, gli ospedali poco igienici e i medici bravi vengono tutti al nord" Quindi noi del nord gli rubiamo i medici buoni e li lasciamo morire
" Non bisogna mandare soldi al sud altrimenti il sud non si rimboccherà le maniche" Senza non avrà maniche da rimboccare
" Un sacco di gente di qui è andata al sud e pagando è riuscita a prendere diplomi e lauree" Come i ministri che votate (gelmini)
" Molti che sono venuti a lavorare qui sono tornati giù, perchè qui si lavora troppo e i soldi non bastano, mentre in meridione si vive bene pur non lavorando, grazie all'assistenzialismo." Non è vero
" A distanza di 40 anni ci sono ancora terremotati nelle baracche" La colpa non è loro
" Il sud è un paradiso e se avessimo noi le bellezze che hanno loro...” Le distruggeremmo

luce ha detto...

Caro Pellescura, io sono meridionale, barese, orgogliosissima di esserlo, ma sopratutto, e nonostante tutto, felice di essere ITALIANA e chi fa questi discorsi oramai triti e ritriti ( che tu sopporti per amore di tua moglie suppongo ma lei, che ti ha sposato, almeno difende la terra del suo uomo?)dimostra solo il suo pregiudizio e un forte senso antipatriottico...
Certo un pò di verità c'è, ma è storicamente giustificata e spesso superata da figure di grande umanità e coraggio che, consentimi, hanno il sangue e la passione meridionale.
E poi se vogliamo fare il giochetti del chi è meglio non la finiremmo più.
Vabbè, hai tutta la mia solidarietà di meridionale sfaticata, maleducata, mafiosa,assistita, quasi uccisa in ospedale, antiecologica ma tanto tanto simpatica , generosa, con il Sole che mi scalda la faccia e con la voglia di conoscere anche tanti settentrionali!!.
Un caro saluto.

Matthew ha detto...

Vediamo un pò: sono sardo anch'io. Non so come considerare quelle frasi, anche perchè l'"italiano medio" non considera la Sardegna parte dell'Italia (tranne quando viene in vacanza...). E, lo ammetto, sono contento di non essere considerato italiano, visto ciò che gli "italiani del nord" pensano degli "italiano del sud"! Fanno parte dello stesso Paese, sì...?

alfie ha detto...

sono veneta d.o.c. pure io, per due mesi ho lavorato e vissuto in Francia, presso dei meridionali tabilitisi a Strasburg Dio solo sa qquanto tempo fa. Mi hanno aperto gli occhi: il loro spirito meridionale di acoglienza, il loro significato di famiglia... cose che non ho mai vsto qui al nord, e da loro dobbiamo solo imparare.

Anonimo ha detto...

luoghi comuni tanti
ma
-in Friuli dopo il terremoto nessuno ha aspettato LO STATO
si sono rimboccati le maniche e hanno ricostruito
- La ministra ha potuto farlo al sud, e non è la sola
- quando, scusatemi, la sinistra ha controllato?
- l'assistenzialismo esiste, la mia collega ha sposato un calabrese ed è la prima a dirlo

rossana

Pipoca ha detto...

Ciao Pellescura...
ma quelli che tu chiami del sud, in realtà non sono Nordafricani?
;)
In realtà ti capisco, sai, qui nella mia famiglia, che oltre a sangue italiano, scorre anche sangue brasiliano...
Non ti dico...siamo una famiglia di prostitute e transessuali, retrogradi e poco civilizzati, rubiamo e la notte facciamo strane danze macumba, perforando con gli spilloni l'effige dei vicini, mangiamo galline vive e copuliamo con i pappagalli.

Ishtar ha detto...

Ho la soluzine di loro di partire cono i soldi guisti solo per il viaggio di andata e vediamo se soppravvivono grazie all'assistenzialismo, il resto lo vedranno da loro se vogliono mangiare altro che uno di lavoro, se lo trovano pure!
Ciao

Anonimo ha detto...

Mah... io non parlerei di pregiudizi della gente del nord... mi sa molto di presunta superiorità culturale del sud sul Veneto nord rozzo egoista ed ignorante (tra l'altro ricordo che Silvio e compagnia sono stati eletti in modo equanime da nord e sud, si salva solo il centro Italia). Balle. Voglio solo ricordare che il Veneto sta in cima a tutte le liste di associazionismo solidale e di volontariato, anni luce sopra il sud (e anche sopra la Lombardia!). Certo ci sono alcune esagerazioni nelle frasi riportate, ma se vi offendete così tanto è perchè sapete che in molte cose c'è un fondo di verità, e spesso vi sta bene così per non dovervi rimboccare le maniche in prima persona a far sì che la gente cambi idea su di voi ma vi attaccate sempre alle responsabilità di qualcun altro.
Io son veneto e non ho problemi a sottolineare i difetti di noi veneti (sospettosi, poco accoglienti e calorosi, avari etc etc) e mi piacerebbe che tutti sapessero riconoscere i propri difetti senza indignarsi o fare vittimismi. E, per inciso, ho davvero parecchi amici del sud (anzi mi trovo anche meglio con loro!) per cui non mi ritengo certo nè razzista nè ragiono a pregiudizi e non voto assolutamente Lega Nord.

Anonimo ha detto...

...e soprattutto niente rancore!

Maria Rita ha detto...

Risposte? Mah... zero... Tuttavia, la tua è l'ennesima dimostrazione che in TUTTE le occasioni i discorsi, dopo vari gira e rigira, finiscono tutti sulla POLITICA. Perchè di politica si tratta, alla fine, anche in questo caso. Io penso che ognuno ha le sue idee e ha il diritto di esprimerle. Ma non tutti hanno il buon gusto di saperlo fare. Questa volta, non era nè il luogo nè il momento. Con tutti il rispetto, i "bassi" sono stati loro.

Aliza ha detto...

Sono veneta ho sposato un calabrese e ne ho sentito di tutti i colori e non c'è verso di ragionare. Io però penso che tutto nasca dall'ignoranza e dalla diffidenza verso "el foresto" a Caorle una mia amica mi dice: "in banca vado sempre dallo stesso impiegato perchè "el xe dei nostri" io chiedo gli altri da dove vengono?
pensando al sud Italia. Lei mi risponde: "noooo da Portogruaro"
(cittadina a circa 30 km) perciò...
ti saluto A.

El hombre bàltico ha detto...

E' un mondo difficile.

www.balticman.net

chit ha detto...

E' la logica legaiola, finchè si ha un nemico comune non se ne cercano altri?!

Superfluo affermare che difronte a tutti questi preconcetti hai tutto il mio appoggio e il prossimo anno, ascolta me, fanculo il compleanno! ;-)

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

lo dico sempre che la vera emergenza nazionale è l'ignoranza. Io ho mamma calabrese e padre mantovano e sinceramente, la merda l'ho vista da una parte e dall'altra d'Italia.Domani farò anch'io un post più o meno di questo tipo, sono stanco di sguazzare tra gli ignoranti.

Dino ha detto...

la risposta é "IGNORANZA"!
Il prossimo anno pensaci bene
Dino

il Russo ha detto...

Io sono settentrionale figlio di settentrionali e nipote di settentrionali.
Non ci crederai ma mi é capitata la situazione opposta, ospite ad una cena in quel di Nocera Inferiore qualche anno fa iniziai a sentire dai miei commensali, tutti rigorosamente campani, che i settentrionali sono tutti boriosi, razzisti, non sanno cucinare nè mangiare, si fanno fregare credendo di essere furbi, non hanno i valori della famiglia, sono falsi nei sentimenti, che la prima ferrovia in Italia fu fatta a Napoli, che era meglio se i Piemontesi non arrivavano che prima loro si stava meglio, che i ragazzi del sud si laureano molto di più del nord perchè più inclini allo studio e amenità simili.
Per educazione evitai la rissa verbale, ma caustico augurai a tutti che il sud continuasse ad andare così bene e che Bossi arrivasse in fondo ai propri propositi, così sì che si sarebbero liberati dal giogo settentrionale...
Come vedi si é tutti italiani, nella propria ignoranza di campanile, ma si é tutti italiani...

BC. Bruno Carioli ha detto...

:-((

3my78 ha detto...

ti capisco,contro i muri di gomma è difficile combattere.

alianorah ha detto...

Non ho risposte. Di quelli del centro dicono qualcosa?

Sisterly ha detto...

Ho vissuto i miei primi vent'anni in Sicilia e da vent'anni vivo ormai a Milano. Cosa dire?
Tutto vero e tutto falso. Punti di vista. Ma la cosa che mi fa più male quando parlo con amici e parenti che vivono ancora nel paese in cui sono nata...è la rassegnazione.
La sensazione di non poter far nulla e che non ci sia nulla da fare. L'accettazione del fato che ha deciso per loro di farli nascere e vivere lì, in una società che non piace a nessuno ma che così è e così bisogna viverla.
Perchè non ci sono soluzioni nè alternative. Rassegnati appunto alla realtà che li circonda.
E questo non va bene, mai!!!!!
Nè al sud, nè in qualsiasi altra parte del mondo!!!!

Elsa ha detto...

IO SONO SARDAAAAAAAAAAAAAAAAAA.



ps grazie per il tuo commento :)))

Pellescura ha detto...

Grazie per la solidarietà e per i commenti in genere, ma non riesco a replicare o a rispondere. è un argomento che mi mette troppa malinconia per un sacco di motivi.

Il Signor P. ha detto...

Secondo me non si possono archiviare queste frasi dicendo: sono luoghi comuni, pregiudizi di persone poco informate ecc. Questo è razzismo puro e semplice. Anche io sono capitato in situazioni del genere e quello che non si deve fare, a mio avviso, è abbozzare. Bisogna di volta in volta inventarsi una qualche reazione.
Ti sono solidale anche se ex-post.
La torta almeno era buona?

Anonimo ha detto...

DUNQUE:SONO FIGLIA DI PADRE SICILIANO E MADRE FRIULANA,NATI TUTTI ALL'ESTERO.HO POTUTO MOLTO SPESSO,AHIME',TOCCARE CON MANO IL RAZZISMO DELLA GENTE,DA QUANDO ARRIVATI A TO,NN VOLEVANO AFFITTARCI CASA PERCHE' DI COGNOME MERIDIONALE A QUANDO,ARRIVATA IN COLLEGIO PER STUDIARE A PN,MI SONO SENTITA SCARTATA E BOLLATA COME "AFRICANA"!ORA VIVO A MO,E ANCHE QUI..NE SENTO OGNI GIORNO.DA SEMPRE,HO LEGATO PIU' CON MERIDIONALI CHE I NORDICI,MA HO IMAPRATO A RICONOSCERE PREGI E DIFETTI DI ENTRAMBI.(CI VORREBBE UN LIBRO PER DIRLI TUTTI!).ALL'INIZIO,QUANDO SENTIVO QUELLE FRASI,MI ARRABBIAVO MOLTISISMO,ORA..LI GUARDO E L ICOMPATISCO DICENDOMI "QUANTO SONO IGNORANTI E PROVINCIALI,POVERETTI"!ERGO,O TE LI FAI SCIVOLARE ADDOSSO..O RISPONDI E FAI LA GUERRA A TUTTI,DATO HAI SCELTO DI VIVERE LI,O..MANDA AFF SUOCERA,MOGLIE E VAI VIA PER QUELLA GIORNATA!(MA TANTO..LI HAI INTORNO A TE..LI SENTIRAI TUTTI I GIORNI,COLLEGHI,NEGOZIANTI ECC...CIAO,UN BACIO.ambrata

Pellescura ha detto...

Ambrata,
è l'unica cosa da fare, quella di rendersi irreperibile per quella giornata.
Cmq questi commenti li senti tutti i giorni nei bar e nei luoghi di lavoro, e anche nelle case di gente con scaffali ricoperti di libri, purtroppo.

Pellescura ha detto...

il signor p,
grazie della visita e della solidarietà. La torta era buona. Mi sto organizzando fin da adesso una riunuione di lavoro per il 10 Settembre 2009

Silvia ha detto...

Nord...Sud...
Che barba...Che noia!!!

E'inutile e stupido generalizzare.

La non-risposta migliore è la tua.

Certo che dev'essere pesante convivere con questi pregiudizi, sia da una parte sia dall'altra.

Almeno al compleanno potevano evitare però :-/

Blogger ha detto...

Tanti pregiudizi, troppi.
Io sono nordico-meridionale.
Per la mia sete razzista (insita in ogni uomo inferiore), e per trovare un capro espiatorio (in momenti di crisi è necessario), ho cercato un colpevole: i francesi.
Io odio i francesi.
Ho degli amici francesi, ho avuto ragazze francofone, amo la poesia e gli artisti d'Oltralpe ma odio i francesi!
Trovi sia razzista o possa essere capito e scusato?
Sono sicuro mi comprendiate.
Ciao, a presto.

Dario blogger di
ITALY ITALIA - ITALIANO ITALIAN

isterika ha detto...

...volevo dire, ce ne fosse bisogno dopo tanti commenti, che non ci sono più le mezze stagioni e si stava meglio quando si stava peggio... perchè volete togliere alla gente che non ha altri argomenti nella vita i due o tre che domina? terroni, prostitute, mafia, la seconda guerra mondiale... lasciate che parlino che senza notte non sapremmo cos'è il sole, servono molto invece, servono a fare la tara a capire che così no, così proprio io non voglio essere, svolgono una funzione sociale, non capite?
bye

Anonimo ha detto...

..e allora com'è che tua moglie veneta s'è sposata un siciliano??? ussignur, sta a vedere che quando dicono che ce l'avete più grosso è vero ihihihihih
Bacio...lasciami scherzare, infondo mi sono sposata un isolano pure io ;)
(inesclusiva)

Pellescura ha detto...

3my78, coi muri di gomma è persa in partenza , è vero
---------------
alianorah, di quelli del centro dicono che hanno tutti i difetti di quelli del sud senza avere i pregi di quelli del nord.
----------------
sisterly, su una certa rassegnazione dei meridione hai un po' ragione.
----------------
silvia, credo sia gente che aspetta queste occasioni appositamente.
----------------
blogger, ad un'altra cena, sempre con veneti, mi capito' uno che ce l'aveva a morte con gli slavi ma soprattutto con gli inglesi, diceva che erano sporchi, ma sporchi da fare schifo...
---------------
isterika, bella l'immagine della tara e che loro svolgano una funzione sociale, pure io non voglio essere come loro.
---------------
inesclusiva, no comment
---------------

:-)

elsa, grazie a te, isolana
---------------

lucycassini ha detto...

Ma quando finiremo di maltrattarci così! Siamo italiani ...o no! Siamo gente, gente d'Italia, nel bene e nel male! Ma non siamo noi quelli del Colosseo, della Gioconda, della Pietà, della scoperta dell'America, del Diritto Romano, della Divina Commedia???...........ci vorrebbero chilometri di carta per elencarli tutti gli italiani che hanno fatto veramente grande l'ITALIA!!!lA NOSTRA È STATA PATRIA DELLA CULTURA!!!!RIPRENDIAMOCELA!!

Anonimo ha detto...

Avevo già tentato di lasciare un mio commento,ma pare si sia perso nei meandri d'internet.Boh.Vabbè,ritento vah.Jour Pellescura e auguroni alla suocera eh.Ma che bella serata,hai trascorso,piu' che altro per la bella compagnia ultra sessanta eh:-)immagino,saresti stato felice di quest'occasione che tra l'altro,aspetterai con ansia,tutti gli anni eh.Comprendo,comprendo.Comunque,non so spiegarmi perchè,ma "A Me,ste robe non mi toccano" e ne sento,anch'io eh.O avrò un' eccessiva Autostima o,come penso sia,conosco bene il meccanismo:"lu ciucciu face la paja e lu ciucciu se la rajia".Tradotto,per i nordisti:"Il cavallo si sistema il fieno,il cavallo se lo mangia".Avendo io stessa un'aziendina e non avendo mai usufruito di alcun finanziamento,ho potuto però constatare che tuttavia ne hanno usufruito aziende del nord,che han trasferito qui,la loro ragione sociale..Ma per fare una piccola vacanza eh.Sia ben chiaro :-)tuttavia,questa era una stupida e forse inutile precisazione Pellescura....in realtà,avevo solo voglia di lasciarti un commento sulla torta.Il binomio assoluto è fragole&panna.Cavolo c'entra, fragole&cioccolato?Vedi che poi,tanto razzisti non sono? :-) Caro amico mio,tutto il mondo è paese e la prossima volta ti spedisco una Torta- pasticciotto,dal Salento..Ocio,alle sorprese però eh.Un abbraccio,Alecsandras

Anonimo ha detto...

dopo molti decenni di assistenza non ringraziano nemmeno.
Vaffanculo la solidarietà ai terroni allora!

alessandra ha detto...

Tipico dei veneti, dei polesani soprattutto: nelle vene gli scorrono vino, lamentele e il parlare tanto par parlare. Cosa vuoi è così. In Polesine ci ho trascorso 20 anni, quelli centrali e formativi, ma sono scappata da quella mentalità che non ho mai potuto soffrire e che fa soffrire. Ciao, alessandra