venerdì 25 luglio 2008

Dialogo con un'amica imprenditrice

(Prima parte: Il sindacato)

I - Sono abbonata al mensile "le scienze" e "il mio cavallo" ... e tu?
P- Ho l’abbonamento a Topolino e Altroconsumo, poi mi arriva il mensile Ok notizie della Cgil
I - Meglio Topolino che Tex…:-) e niente l’Unità?
P- No l'Unità no, non lo leggo da 10 anni circa, purtroppo, lo leggo un po' on line, salvo eccezioni...
I - Ah pure il sindacato...ma sei convinto che sia utile?
P- Beh sì, se uno ha bisogno ti seguono.
I- Ma dai…bisogni di che tipo?
P- Certo non ti trovano una signorina per passare la serata :)...diciamo affermare i tuoi diritti, ecco. Se ci sono padroni che non vogliono che i dipendenti si iscrivino ai sindacati un motivo ci sarà…
I- Padroni?? che termine è?? Semmai imprenditori…
P- Bisogni del tipo che fanno presto i padroni a sbatterti fuori se vogliono, troppa gente fa la furba in Italia, qualcuno che gli faccia le pulci ci vuole. Ci sono imprenditori e ci sono padroni che fanno firmare lettere di rinuncia alla maternità, quelli non sono imprenditori, sono padroni...
I- Ma sai che la spisal difende molto meglio dei sindacati? C’è una sezione per le donne lavoratrici, se conosci persone che hanno queste problematiche…
P- La spisal che è scusa?
I - Spetta è un acronimo, fa parte dell'ulss… fa capo alla regione...
P- Cmq questo lo dici tu, che faccia meglio dei sindacati… certo dipende dalle persone che trovi, dappertutto ci sono quelli che se ne fottono, ma ci sono persone che gli fanno un culo così agli imprenditori se fanno i furbi.
I- Cmq per le cose gravi ci si difende anche da soli, tipo quella roba che hai detto sulla maternità, e poi i sindacati sono politicizzati.
P- Da soli non è mai facile, con un'organizzazione dietro hai piu' tutele e poi anche le ulss sono politicizzate che c'entra…, devi solo trovare le persone che credono nei diritti dei lavoratori…
I- Quella cosa che hai detto della maternità... se vai presso qualsiasi ente pubblico e lo dichiari, anche se non hai documenti scritti, lo stato pone l'imprenditore dalla parte del torto, non sei tu che devi dimostrare l'abuso, ma l'imprenditore deve documentare che non è così, come quando fai ore straordinarie in nero o quando lavori in nero...
Vedrai che il padrone verrà da te a dirti: quanto vuoi per stare semplicemente zitto?
P- Non credo proprio! E cmq bella roba...
I - Prova !
P- Appena decido di rimanere incinto te lo dico.:-) Cmq da 20 anni che martellato sui media che tutti i problemi dell'italia sembrano siano stati creati dai Sindacati e da come parli credo ci siano riusciti...
I- Anche i sindacati fanno leva sull'ignoranza dei lavoratori italiani, disinteressati ai contratti...
P- Cmq in linea di massima il sindacato è una tutela, non si spiega perchè gli imprenditori li vedano come la peste bubbonica...
I- Ma la tua logica fa acqua da tutte le parti, siccome il padrone lo vede come peste allora è giusto?
P- Qua non è la logica, si parla di buon senso…
I- Ma tu lo sai che l'integrazione razziale in italia la stanno facendo le piccole aziende? che hanno albanesi e rumeni al loro interno?
P- Il padrone se potesse, e purtroppo spesso glielo permettono, ti fa fare quello che vuole lui, sulla protezione, sugli straordinari, sul lavoro in nero… sugli orari, sulla produttività…
I - Gli straordinari in nero dici? :) Quelli che lo stato tassa e che i lavoratori pretendono in nero?
P- Io sento storie in alcune fabbriche qui vicino di sfruttamento come 40 anni fa…il lavoro deve essere soggetto a regole…
I - Pure quello dell'imprenditore eh…
P- L'imprenditore, in linea di massima cerca di succhiarti il piu' possibile il sangue, cercando di pagarti il meno possibile. è la legge del mercato, il capitalismo…
I- Ma che cazzo di imprenditori conosci?
P- Quelli del nord est, adesso non potendo piu' sfruttare gli italiani che hanno preso coscienza, sfruttano i neri e gli extracomunitari...
I- Ma va là… ma scusa, ma la colpa non è che sia della classe politica? Ovviamente abbiamo vissuto realtà diverse ma ti dico una cosa: i ricchi non sanno quanto sono poveri i poveri ma i poveri non sanno quanto lavorano i ricchi… (Non ti dico di chi è la citazione…scoprilo te…) :- )
P- Me la scrivo questa… secondo me se i ricchi pagassero il dovuto e non evadessero le tasse in massa, sarebbero meno ricchi, e quei soldi servirebbero a far stare meglio anche i poveri… (questa è mia) :- ) ...
(continua nel prossimo post...)


21 commenti:

♥gabrybabelle♥♥ ha detto...

aho' e anche questo è il primo?m'sara' che te vizio?pellescu'.Va buo' tiremm nanz,ma chi l'è che la dise quis cos?[[ i ricchi non sanno quanto sono poveri i poveri ma i poveri non sanno quanto lavorano i ricchi…]]No,non dirmelo,il solito nano??spero che no,ma credo cdi si ,NON se ne puo' piu,mi strizzo le palle da sola che non ho,anzi si ce l'ho e mooolto piu grandi,ci volgiono le pale(pale,non palle)MA non dirlo al cavaliere che quello è un maniaco,un BRUTTO,maniaco,Tze,Tze,Tze,(fumettisticamente...ti pisc.....in testa)ovviamente è per quello li.Madoo' certe volte sono pesante,ma sai com'è è un continuo di sparar cavolate e non se ne puo' piu'
Ciao pellescu',gabrybabelle

stellastale ha detto...

che hai davvero una gran pazienza... io a sto dialogo non avrei resistito all'ottava battuta al massimo!!!! 'o saccio... sono intollerante

Elsa ha detto...

peccato...fermarsi su un immagine, che è stata scelta per quello che è stato scritto.
elsa

Lucia Cirillo ha detto...

Ti sei davvero superato. Chapeau ;)

MaryA ha detto...

Ma mi chiedo...l'amica imprenditrice è ispirata ad una vera amica???

In ogni caso il sindacato non va e non vanno nemmeno le ulss...e il problema è che in un paese come l'Italia di oggi l'unico mezzo per arrivare al potere sono i soldi...chi ha una grande fortuna ha anche un potere immenso (non fatemi fare esempi) e di conseguenza chi può imporre a tali individui di rispettare la legge? Soprattutto quando ormai hanno provveduto a diventare intoccabili...

Alessandro Tauro ha detto...

Io mi sarei fermato alla diatriba su Topolino e Tex. Avrei già capito la malaparata!! :)

Io personalmente sono molto critico verso l'operato dei sindacati. Ma parto da un punto di vista diametralmente opposto a quello della tua amica imprenditrice...

Credo che a livello personale la presenza di un sindacato sia una tutela senza paragoni e chi invita a non avere contatti con sindacati o a non farne parte, ti sta solo invitando a rendere più facile e doloroso il tuo sfruttamento.
Ma quando si tratta di far valere i diritti di un'intera categoria, o meglio, quando si tratta di fare la voce grossa a livello nazionale... beh, si è visto fin troppo bene come lavorano. La questione del protocollo sul welfare (le proteste dei sindacati agli emendamenti migliorativi proposti dalla sinistra parlamentare) è stata quantomai esplicativa!

Altro che rompere le scatole e basta... io dico invece che non lo fanno abbastanza! :)

BC. Bruno Carioli ha detto...

Pellescura, ti faranno santo-pazienza.

Imagine ha detto...

mmm interessante... ma t'è scappato di alzare un po' la voce? dai, un pochino (sennò saresti davvero santo-pazienza, come dice bruno)... perchè dalla tua auto-intercettazione non si può capire..

Matthew ha detto...

Potresti mettere l'audio di questa telefonata nella tracklist...? Ahaha!

Anna ha detto...

Ora dirò una cosa impopolare. Va bene per i diritti dei lavoratori, che sono sacrosanti e che difenderò fino allo strenuo. Però vorrei che qualcuno difendesse i diritti degli imprenditori, contro i lavoratori che non sempre sono onesti.I sindacati non possono essere SEMPRE dalla parte dei lavoratori, anche se questi non lo meritano.Parlo per esperienza personale.

P.S.mmmmmm.....Pino Daniele.....

Pellescura ha detto...

Vi racconto come è andata:
Questa amica imprenditrice è tra i miei indirizzi messenger. Ogni tanto scambiamo quattro chiacchiere senza mai andare oltre il classico ciao ciao e come va?
L'altro giorno invece ha cominciato a provocarmi sul blog e sulla mia passione politica ed è partito questa discussione. Ero nervoso lo ammetto, lei lo capiva e si beava di ciò. Ho voluto mantenere la calma, per non darle soddisfazione:-).
Poi alla fine ho fatto il copia e incolla di quello che avevamo scritto, l'ho diviso in due parti, questa era la prima.La seconda credo sia ancora peggio.
Cmq la calma è la virtù dei forti .:-)

scrittrice75 ha detto...

bella l'ultima battuta che le hai fatto.. sei un grande...
un saluto da angela

Franca ha detto...

Padroni, si, padroni.
Chiamiamo le cose col loro vero nome...

Lucia Cirillo ha detto...

Ma lo vuoi capire che messenger lo devi usare solo con me!?!? grrrrr
:P

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Bè... aspetto la seconda parte. Certo che se fosse come dici alla fine, saremmo in un altro mondo.

Alessandro Arcuri ha detto...

Eh vabbè ma sono sempre discussioni sbilanciate. Da una parte uno che deve farsi in quattro e stare sempre all'erta per non ritrovarselo in culo e dall'altra una persona che per quanto duramente lavori (nessuno mette in dubbio ciò) ha comunque la sicumera che deriva dal sapere che se sta male può permettersi le cliniche privare, che se gli fanno causa può permettersi costosissimi avvocati, che se dcide di "staccare un po' la spina" può farlo come e quando vuole, che se ha figli può pagare eserciti di tate...
Non è un dialogo bilanciato, è una corrida!

il Russo ha detto...

o.t. Un grazie veramente di cuore per aver testimoniato la tua vicinanza in un momento per me speciale, non so come vista la rivoluzione che mi aspetta, ma spero di continuare a meritare la tua amicizia nella blogosfera con il mio piccolo spazio di Resistenza.
Il tuo amico Russo

alianorah ha detto...

Ma la citazione di chi era poi? Di chi penso io?

Dyo ha detto...

Boh.
Siamo ancora ai padroni e alla lotta di classe?

Pellescura ha detto...

alianorah,
la citazione era di Gianni Agnelli come la stessa mia interlocutrice ha spiegato.
------------------
dyo,
magari non c'è piu' la lotta di classe, ma non sempre gli interessi dell'uno e dell'altro coincidono.
------------------
il russo,
ancora auguri per il pargolo.
------------------
alessandro arcuri,
tanta disparità, specie sui temi della salute. Uno con i soldi puo' prevernire meglio perchè non conosce le liste d'attesa. E cmq la si pensi fin quando il diritto alla salute non è uguale per tutti, c'è poco da dire, non c'è giustizia sociale.
----------------
schiavi o liberi?
un'altro mondo è auspicabile

Pellescura ha detto...

gabry,
eheh sempre al nano pensi :-))
quello ne dice di peggio cmq...
-----------------
elsa,
hai ragione ma la foto era notevole e forse accentrava l'attenzione.
------------------
lucia,
grazie e ok (solo con te ) :-)
------------------
alessandro tauro,
sono d'accordo
------------------
bruno,imagine,
sono un uomo non sono un santo, non tentatemi non sono un santo.
:-)
-----------------
franca,
le parole hanno significati profondi, anche in questo caso.
----------------
matthew,
volevo dire che non lo farò piu', nè con messenger nè col telefono.
(altrimenti nessuno si sentirà libero di parlare o scrivere, con il rischio della pubblicazione) :-)
-----------------