venerdì 5 giugno 2009

Ho ricevuto questa mail da un sostenitore del Sultano: "Pellescura, le tue vignette non fanno ridere, datti all'ippica!"









------------
Ho risposto la prima cosa che mi è venuta in mente:
"Solo quando il tuo presidente si occuperà di zoccoli e lascerà stare le zoccole!"


Ti è piaciuto il post? Vota Ok oppure No. Grazie!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

27 commenti:

chit ha detto...

Allora ti aspetta una lunga carriera mi sa!? ;-)

silvano ha detto...

Pietro, c'è pieno di imbecilli e, ho l'impressione, ancora più di servi.

marus ha detto...

Pietro, dovevi anche spiegargli che delle tue vignette non può limitarsi a guardare le figure come fa con il giornale.

ladyoscar ha detto...

Pietro c'avrai mica il fisico da fantino? :-))

calendula ha detto...

io mi auguro che la tua carriera finisca presto e non perchè speri in un ravvedimento del nano ma perchè con tutte le maledizioni ( in sardo is frastimusu) che gli mandano quotidianamente milioni di persone un colpo gli verrà per forza.

Ernest ha detto...

si deve essere fieri di raccontare a tutti la verità con parole, vignette o quant'altro... quando si ricevono messaggi di questo genere da persone che hanno deciso di servire un imperatore vuol dire che si è nel giusto... continua così.

lozirion ha detto...

....Bè, il fatto che chi ti ha mandato la mail non capisca le vignette non significa che non facciano ridere.... ^_^

Continua così! ^_^

Vale ha detto...

a ognuno il suo!

ps: bacio e buon fine sett :)

Bruno ha detto...

grande e NON MOLLARE..!!!!
:-)

silvio di giorgio ha detto...

ma il contenuto della mail era tutto qui? solo "pellescura, le tue vignette nn fanno ridere,datti all'ippica"?

Pietro ha detto...

sì, solo quello, niente di più...

Anna ha detto...

Io direi che potresti continuare a fare le vignette, che a me fanno ridere, e darti anche all'ippica.In senso lato. Non è questo che volevamo? :-)

silvio di giorgio ha detto...

non è detto che sia necessariamente un servo del sultano allora. magari non gli piacciono le vignette e basta. però un minimo di fantasia anche nell'insultare, e che cavolo...datti all'ippica non si usa dal 1976...

Lucien ha detto...

Perché cosa c'è di male nell'ippica?
Noooo! Anche qui, c'è sempre lui: le scuderie, gli stallieri...

Minu ha detto...

questo lettore pensa che ci siano possibilità lavorative nel campo dell'ippica? no perchè se così fosse.. con la giusta dieta, potrei pensarci anche io! l'altezza c'è.. magari era solo un suggerimento. Apprezziamo il suggerimento avresti dovuto rispondere, con il plurale maieche

Minu ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Alessandro ha detto...

Cioè...fammi capire!
Il tuo "affezionato sostenitore" ha ritenuto che fosse di una importanza così fondamentale contattarti formalmente via mail per "contestare" il tuo lavoro, per poi scriverti una frase così?

Ma non ha senso!!!

Ha perfettamente ragione Silvio Di Giorgio. E' un modo dire in disuso da 30 anni!
Ti ha scritto una e-mail o ti ha inviato un messo di corte? Era scritta con penna e calamaio la mail?

Susanna ha detto...

Allora stai fresco.
gatta susanna

Jean du Yacht ha detto...

il problema è che "lui" si occupa già anche di zoccoli [nel senso di femminile di zoccole].

Andrew ha detto...

lasciali perdere, continua cosi pietro!

marina ha detto...

forse dovremmo tutti tenere sempre il sedere incollato su un cavallo onde evitare gli scherzi del Sultano!
vai Pietro, ristorami l'anima
marina

@enio ha detto...

con quello che costa un cavallo ! Ma devi dedicarti proprio all'ippica, un bel giro in bicicletta non basterebbe ?

Jean du Yacht ha detto...

correzione: nel senso di "maschile" di zoccole, ovviamente.

Pietro ha detto...

jean, sono due giorni che mi chiedo che volessi dire con quel commento. Mi dicevo, va be', sarà una delle sue e non ci arrivo:-) grazie...

Buba ha detto...

risposta incisiva e profonda....

alianorah ha detto...

La risposta mi sembra puntuale.

Prefe ha detto...

ottima risposta.
potevi osare un "Ok, a patto che tu la smetti di respirare"