venerdì 16 gennaio 2009

Se la Cina va a doppia velocità, l'Italia va a doppia contabilità

tratto dalla "Süddeutsche Zeitung":

Tremonti: “È importante non sottovalutare l’Italia. Il paese è più forte di quello che sembra, in quanto il lavoro nero non viene considerato per il calcolo dei parametri economici."
Sì, naturalmente, il lavoro nero! Come è ingiusto ignorare tutti i laboriosi lavoratori nella penisola italiana che frodano lo stato evadendo tasse e contributi. Se si includessero tutti questi nel calcolo probabilmente l’Italia sarebbe la prima potenza economica al mondo, o no, onorevole Tremonti?

(Senza contare il giro d'affari della mafia)



Votala su

17 commenti:

Lara ha detto...

Proprio così, Pietro.
Di contabilità ne abbiamo ...da vendere :)
Ciao, buona serata!

XPX ha detto...

Ah, se ci mettiamo gli introiti della Mafia spa saremo un paese che non conosce crisi ...

sisterly ha detto...

Lavoro nero, Mafia spa, falsi in bilancio...fa tutto parte della "contabilità creativa" creata dal nostro premier, ed è tutta Made in Italy!

Punzy ha detto...

Non perde un'occasione per stare zitto, incredibile

pia ha detto...

Siamo mal messi, ragazzi...
Chi la raddrizza più questa Italia?

beyk happel ha detto...

Ma è un genio!

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Che meraviglia essere italiano.

Schiavi e Servi ha detto...

Non dobbiamo dimenticare che TVVVEMONTI è quello della finanza creativa!

Andrew ha detto...

mah!
buon weekend Pietro

Le Favà ha detto...

Che perle di saggezza. E pensare che appena esplosa la crisi, tutti a dire che Tremonti l'aveva prevista.
L'abbiamo davvero sottovalutato...

Peccato.

3my78 ha detto...

Lo rinominerò Trescemo.

Bruno ha detto...

si..e senza contare i miliardi di euro che bruciano per le loro porcate......

il Russo ha detto...

Va tutto bene madama la marchesa.... le balle!

luce ha detto...

La finanza creativa è alla base della nostra economia peccato che il quadro che esce fuori sia astratto e non futurista

Rita ha detto...

Mi fa abbastanza tranquilità sapere che la crisi è motivo per parlare dei nostri politici e tutti quelli politici pensano che la crisi e colpa degl'altri.....Non Pietro, quello che dici Tremonti lo dicono anche nella Spagna il nostro ministro di finanza, più o meno, qui quello che manca è la Mafia ma....non ce problema, abbiamo la Eta, inoltre anche abbiamo lavoro nero, evazione, etc....come diciamo qui, "male di tanti, conforto di tutti", ciao ragazzo, a presto

alfie ha detto...

sempre bravi a parlare per nient sti poltici...

silvano ha detto...

Siamo una grande potenza economica ed un grande paese civile.