domenica 13 luglio 2008

Ma vaffan...Guru !

Bel ragazzo, e come parla bene, tutto preciso, tutto impostato. E che casa. Marmi pregiati, quadri antichi, vasca idromassaggio da 50,000 euro. Matteo Cambi guarda dritto negli occhi l'interlocutore, sicuro, carismatico e grande seduttore. Personaggi come Cannavaro, Maldini, Vieri e Elisabetta Canalis indossavano "Guru", il suo marchio. Come anche il team Renault di Flavio Briatore e in particolare Fernando Alonso. “The king flower” e la sua margherita in pochi anni diventano il simbolo dei tour e delle feste più mondane dello stivale. Il suo imperativo è dare sempre un’immagine vincente e di successo. Matteo Cambi ha rappresentato il sogno italiano dell'imprenditore self made man: famoso in poco tempo, simbolo della generazione che, se vuole, si sa dare da fare, nonostante la precarietà, simbolo di lusso e di ostentazione.
Simbolo di quell'Italia che pur di avere addosso una marca, e di sfoggiarla senza vergognarsi, si indebita fino al collo. Che pur di andare a Porto Cervo fa finta di avere soldi da spendere. Di quell'Italia che pur di assomigliare vagamente a Flavio & C., si traveste da falsa ricca e racconta a tutti false verità. Che va in Sardegna in vacanza e che l'unica cosa che pensa sia degna di essere raccontata è di avere fotografato qualche vip a bordo di barche extra lusso.
Matteo Cambi, adesso, non fa più il Guru. E' stato arrestato. L'ideatore del marchio di abbigliamento della margherita, stampato sulle magliette colorate di modelle e calciatori, deve rispondere di bancarotta fraudolenta, false comunicazioni sociali, illecita ripartizione degli utili e delle riserve, infedeltà patrimoniale, false fatture per diversi milioni di euro. Ma tranquilli, l'Italia è già pronta a sfornarne altri. Il sogno continua e Lucignolo non puo' attendere.

21 commenti:

alfa ha detto...

Ah bhè, i miei più sinceri "complimenti" a questo guru... che roba...

l'incarcerato ha detto...

ahahahah mi è piaciuta l'ultima frase su Lucignolo...

Quanto hai ragione nel dire che molti italiani si indebitano fino al collo pur di apparire..e poi noi ci lamentiamo che abbiamo Berlusconi...

Sara ha detto...

Guru non mi è mai piaciuta..quella margherita orrenda..:-S
E poi il nome..che presuntuoso!!!

anna ha detto...

Chi è questo????? ahhahahahhah marò più leggo più mi rendo conto di vivere in una specie di grotta! ahahhahahah

Matthew ha detto...

Hai tralasciato una cosa fondamentale dell'ascesa di Matteo Cambi: la relazione con Flavia Vento...

Fra ha detto...

hahaha lucignolo. Mi ricompongo, cmq hai ragione, ma con tutte le cose belle che ci sono in Sardegna non capisco che senso abbia fare le foto agli Yatch e chi ci sta sopra.

intrigantipassioni ha detto...

... un'altissima percentuale d'italiani e' indebitata... e, spessissimo, piu' per auto e vestiario firmato, che non per abitazioni...
... questo pseudo stilista-designer-coattone e' solo uno dei tanti che hanno avuto un'ideuzza da qualche miliardo e diventano famosi in un batter d'occhio... poi vai a chiedergli una nuova idea... arrestato? no problem: AVANTI UN ALTROOOO!

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Di queste persone non mi dispiace proprio. Simbolo della degenerazione di valori, che trova nell'apparire l'unica fonte di soddisfazione. Anche e soprattutto grazie a queste persone, le cose vanno male.

Dyo ha detto...

Azz, ed io che avevo detto ad un amico:" Sarai il Matteo Cambi del futuro"...
:/

♥gabrybabelle♥♥ ha detto...

Ero piccola quando vennero in sardegna i primi Vip a costruire porto rotondo(meta' anni 60)ma erano altro genere di persone te lo assicuro. I conti Dona' delle Rose furono i primi pionieri.Le pinete delle fonti di Rinaggiu erano una meraviglia immerse in una splendida pineta incontaminata,da allora, VIA VIA è cominciata la cementificazione.I pascoli per le pecore arrivavano fin quasi al mare e i pastori si vendettero le terre per un tozzo di pane(per fortuna non tutti).Oggi dei Conti che cominciarono l'insediamento con ben altre idee di villeggiatura e di villaggio non v'è quasi piu traccia,oggi ci sono solo i cafoni,gli stracafoni come quelli descritti nel tuo post,la mia famiglia è in parte di quella terra ed era giusto che noi almeno in estate fossimo li.Alla fine abbiamo desistito anche noi,anche i miei quando sono andati in pensione ed hanno deiciso di lasciare milano,sono tornati li a vivere ma NON lungo la costa,per carita' hanno preferito di gran lunga la citta' piu glamour nel sento etico della parola(qualora ci fosse)nella citta' fra le piu antiche anche per senso di ospitalita' al turista,Alghero con il suo bellissimo e antico porto,le sue stradine strette molto simili ai caruggi genovesi(nonna)e cosi via via per tutti gli isolani.Ma anche li oggi come oggi sembra d'essere in una zona tipo Ibiza e l'estate se non per chi ha ragioni commerciali è un delirio e cosi i miei scappano nell'entroterra alla vista dei "barbari continentali"eh,eh, scherzi a parte gente simile c'è dappertutto lo so,bisogna stare all'erta a non farsi prendere nella trappola di costoro,altrimenti sono ..zzi..amarii-nsomma meglio tenersi alla larga,cosa vuoi il Berlusconismo impera ovunque e li in sardegna in questo senso è peggio ancora.I veri sardi se la vivono bene solo da settembre in poi o nella bellssima e profumatissima primavera,in estate desistono,in particolar modo dalle zone cosidette dei VIP.Very Imbecilli Person
Gabrybabelle

il Russo ha detto...

Uno dei tanti miracolati di questa italia berlusconiana: rapida ascesa, codazzo di vip, botto da fantascienza con guai giudiziari, una tranquilla vita di rendita libero come l'aria...
E le merdine oneste come il sottoscritto a portare a casa 1.050 euro per un lavoro precario dove l'ultimo stronzo ti caca in testa minacciandoti con un mancato rinnovo di contratto alle tue lagnanze.
Rialzati, italia di merda.

Elsa ha detto...

sai che ci vivo in Sardegna...
nausea su quei nomi.
bellissimo post.
Elsa

tizeta ha detto...

beh che c'e' di cosi strano?
per qualche cosuccia, insomma,cose da imprenditore made in italy...che vuoi...stai a guardare il capello...
purtroppo non tutti gli imprenditori sono in politica...
per dodici fottutissimi anni sono stato in vacanza "nella sardegna che conta",trascinato dalla famiglia e ho visto gente con la casa( il buco) di proprieta' a portotondo e quella a milano in affitto...poi si va a cercare l anello mancante tra la scimmia e l'uomo....

Anna ha detto...

Detesto abiti ed accessori firmati, anche perché so bene come e dove vengono fatti e la manodopera che sfruttano vergognosamente. Vedevo quelle orribili magliette con la margherita addosso a dei burini patentati, ma non sapevo che fossero di sto gran signore.
E vabbè, i modelli e le aspirazioni dell'Italiano medio sono quelle, come dici bene tu: ostentare quello che non si ha,perché sempre di più ci avviciniamo al modello americano: sei quello che possiedi, non ciò che hai nella tua testa e nel tuo cuore .
Buona notte, domani, fra poco, inizia una nuova settimana.
Che palle :-( si sta così bene senza lavorare :-)

il Nikita ha detto...

L'apparenza è una crosta destinata a creparsi e cadere.
Ma chi era questo?

alianorah ha detto...

Me lo ricordo, 'sto qui della margheritona. A me quella maglietta non piaceva per niente, ma era così trendy! ;-)

Faina ha detto...

ci godo, a vederlo nella merda. anche se, probabilmente, non sconterà un solo giorno di galera per i suoi reati.

Prefe ha detto...

chi l'avrebbe mai detto che era un furfante...
strano!

stellavale ha detto...

Cavolo, a me toglie la sete solo l'acqua frizzante!

Clelia ha detto...

Poverino, si è lascaito travolgere, è diventato un'altra persona, ..."doveva essere all'altezza" e allora via con le ferrari gli yacht e i regalini alle Miss... ed ora per lui è finita... ma come dici giustamente tu... ce ne sono e saranno altri

buona serata Clelia

Erme ha detto...

People should read this.