venerdì 25 settembre 2009

La storia della sinistra in una foto

14 commenti:

il Russo ha detto...

Ma è blu o viola? Blu? Porca vacca...

zefirina ha detto...

hai reso perfettamente l'idea, sei un genio

silvano ha detto...

Tristemente geniale.

Silvia ha detto...

A me finisce sempre prima il blu :)

Clelia ha detto...

GENIALE

Bruno ha detto...

ahhhh fantastica ma reale... :-(

bruno ha detto...

Invece degli errori rossi...la matita è stata usata per quelli dei rossi...

pia ha detto...

Geniale senz'altro... Sì, però il rosso si consuma per rimarcare gli errori degli altri.

Buba ha detto...

hai espresso un concetto con una semplice matita.... che nostalgia quella matita.... la usavo alle elementari !!!!!

Gap ha detto...

Adesso che vuoi, che mi vada a tagliare le vene?

Pietro ha detto...

Gap, per trovare un po' di rosso?;-)

Gap ha detto...

Almeno sono sicuro di trovarlo, mica come il Russo che si attacca al Barolo, Barbera e altri rossi.

elena ha detto...

Il rosso si consuma prima perché fa anche il lavoro degli altri... che è la versione ottimista. Quella pessimista è che fa più fatica a copiare... e diventa persino più disonesto (dotto riferimento, si fa per dire, a DC e PSI).
Ma può finire qui? Per me no: ci si inventa una bella matita tutta rossa (senza possibili commistioni) e... via, si riparte!
Suerte compagni... dobbiamo resistere!

Pape Satan Aleppe ha detto...

Quanto meno si son scritte pagine e pagine in rosso ....